La nostra storia e la nostra filosofia

Il gusto dell’entusiasmo

All’età di 20 anni, Franz mette in cantina il suo primo vino. Un’esperienza affascinante che lascia il suo segno e fa accendere il fuoco interiore: il desiderio di diventare un produttore di vino diventa irresistibile.

Un sogno che non arriva per caso: infatti, in passato qui veniva pigiata la Schiava per l’osteria di famiglia. La zona vinicola e il vigneto di Falkenstein sono stati menzionati in un documento già nel XII secolo e la famiglia Pratzner può celebrare più di duecento anni di esistenza.

La posa della prima pietra

Fino al 1989 il paesaggio della zona vinicola di Falkenstein era dominato dai meleti. Inizialmente, la viticoltura avrebbe dovuto essere un’attività secondaria per la famiglia. Ma il richiamo di realizzare i sogni a lungo inseguiti si fece sempre più forte, e alla fine Franz e Bernadette Pratzner si avventurarono insieme in una nuova, diversa direzione: abbandonano l’attività di frutticoltura e si dedicano alla viticoltura. Affinamento e commercializzazione – tutto in un’unica azienda (famigliare). Il mestiere del viticoltore è molto più di un semplice lavoro, è una vocazione. Ed è proprio così che dovrebbe essere, perché solo in questo modo si producono vini sofisticati.

a quell'epoca Una volta Lavoro Franz Famiglia di viticoltori Franz e Bernadette

Passione e tradizione intramotabili

Artigianato e amore per i dettagli. Queste parole sono cariche di significato per la famiglia Pratzner. Il processo costante si basa sul lavoro manuale, le macchine servono solo come supporto. Dal 2003, tutti i vini vengono vinificati nella nuova cantina. I vini bianchi maturano in grandi botti in legno di acacia nella cantina di roccia.

Vitigni eccellenti come Riesling, Pinot Bianco, Sauvignon, Gewürztraminer e Pinot Nero crescono su 12 ettari (da 550 a 900 m di altitudine). Vengono prodotte circa 90.000 bottiglie all’anno.

Vitigno Racemo Azienda Vinicola Falkenstein Botte da vino Azienda Vinicola

Tali genitori, tali figli?

Franz e Bernadette hanno trasmesso la loro gioia e passione per il vino alle loro due figlie, che hanno assistito agli sforzi instancabili dei genitori e sono orgogliose di ciò che hanno creato. Inizialmente, tuttavia, nessuna delle due voleva intraprendere una formazione in ambito agricolo.

Figlia Famiglia Falkenstein

“Se l’avessi spinta io, non lo avrebbe mai fatto. O almeno non con il cuore. Adesso so che è diventata una viticoltrice per passione. Con la stessa passione grazie alla quale io sono diventato un produttore di vino.”

La scintilla della passione è scoppiata anche nel cuore di Magdalena che, dopo diversi stage, tra l’altro anche in Australia, e studi di enologia, dal 2019 fa parte dell’azienda. Michaela ha studiato economia aziendale e adesso, dall’estero, supporta i canali social e le vendite dell’azienda Falkenstein

Una conclusione e una prospettiva

Il vino riflette il viticoltore e la passione e la filosofia, con cui viene trattata la vite. Nell’azienda vinicola Falkenstein, vogliamo continuare a produrre in modo naturale e a lavorare nel rispetto dell’ambiente. Rimaniamo fedeli al motto intergenerazionale: vivere a stretto contatto con la natura e apprezzarla, ma mai sottovalutarla.